AL CARISSIMO E INDIMENTICABILE AMICO DI SEMPRE, PROF. ANTONIO GRIECO

Ascoli Satriano – Foto Prof.ssa Nunzia Roccotelli 29.10.2017*

*Cerignola 25.5.1962 † Bari 8.4.2020

È innegabile non avvertire la tua mancanza e ciò si tramuta in una eccellente occasione di riflessione su ciò che sei stato per tutti noi. Sarà la tua mancanza a rafforzare in noi il desiderio di averti sempre vivo e presente nei nostri cuori.

Carissimo ANTONIO, erano tante le DOTI e le QUALITA’ morali, connaturate in te, che CUSTODIVI gelosamente senza mai ostentarle.  Il tuo tentativo di dissimulare la ricchezza d’interiorità che ti contraddistingueva non ha vinto la nostra capacità di distinguere i tratti salienti e belli della tua persona. Come non rammentare le tue qualità:  

La MODESTIA, tua prerogativa da sempre;

La GENTILEZZA, aspetto disarmante nell’avvicinarti agli altri;

La CORTESIA che, in un mondo poco educato, lasciava esterrefatti;

La SAGGEZZA che, opportunamente mostrata, ti rendeva unico;

La SERENITA’ sempre pronta nell’indicarci la via maestra;

La PACATEZZA con cui affrontavi le ostili decisioni;

Il SOMMESSO PARLARE che calmava la nostra irruenza;

La PONDERATEZZA con la quale frenavi le nostre precipitose decisioni;

La RISERVATEZZA, tuo tesoro prezioso sempre brillante;

L’ ONESTA’ CULTURALE, un abito esistenziale;

La GENEROSITA’ pronta a sprigionarsi ad ogni nostra richiesta.

Una persona d’altri tempi, dunque, UN UOMO PERBENE da ammirare e da prendere come esempio.

Siamo ONORATI di averti potuto annoverare tra gli AMICI.

Della nostra CITTA’ ti affascinavano l’ARCHEOLOGIA, la STORIA, le TRADIZIONI POPOLARI e la RELIGIOSITA’ POPOLARE espressa nelle ARTI MINORI del SACRO e della RELIGIOSITA’.

Sei stato validissimo componente nelle nostre Istituzioni Culturali: il Centro Studi e Ricerche “Torre Alemanna”, dell’Archeoclub d’Italia Sede di Cerignola, del Museo Etnografico Cerignolano (1979), Socio e componente del Direttivo della nostra Sede dell’Archeoclub.

Sei stato sempre con noi in prima linea con dignità e fermezza, perché hai sempre CREDUTO in certi VALORI, convinto assertore e sostenitore della CONOSCENZA, DIFESA e VALORIZZAZIONE dei Beni culturali.

Hai combattuto con noi nelle dure battaglie intraprese contro chi ha reiterato immani scempi sul patrimonio ARCHEOLOGICO, ARCHITETTONICO, ARTISTICO, STORICO e AMBIENTALE della CITTA’ in ambito privato, pubblico ed ecclesiastico. Con noi hai sofferto e condiviso la profonda amarezza e tristezza delle sconfitte, dandoci forza nel risollevarci e continuare per la strada della DIFESA perché la ritenevi GIUSTA.

Certo, carissimo Antonio, non sono state tante le gioie rivenienti dalle vittorie. Grazie al nostro operato la collettività (CITTA’) si è riappropriata delle TESTIMONIANZE che abbiamo DIFESO e SALVAGUARDATO e che possono essere ammirate ancora oggi perché da noi sottratte all’abbandono e alla distruzione.

ANTONIO, grazie per aver mostrato la tua FIEREZZA nel nostro operato. Ricordiamo molto bene la tua gioia e il tuo sorriso, che timidamente e con discrezione svelavi, per le belle notizie positive che ci pervenivano dalle SOPRINTENDENZE di BARI e di TARANTO sull’apposizione dei VINCOLI TUTELATIVI, ben 16 ottenuti, sul patrimonio culturale della Città e per la costante produzione delle testimonianze librarie, delle numerose MOSTRE-DOCUMENTALI alle quali molte volte hai partecipato nell’allestimento.

Nel tuo impegno scolastico come DOCENTE in INFORMATICA sei stato esempio indiscusso di professionalità. Hai saputo infondere negli alunni la moralità e il processo didattico-educativo. Ampia è stata la tua disponibilità verso gli alunni, i colleghi e i tuoi superiori.

Amavi l’ARTE e i VIAGGI e questo ti portava annualmente a visitare MONUMENTI, MUSEI, PINACOTECHE della nostra amata Italia e del mondo, arricchendoti culturalmente. All’ammirazione facevi seguire lo studio e apprezzandoli, al rientro, non disdegnavi di raccontarci le belle esperienze culturali vissute.

Ad onore del vero, i tuoi interessi erano ancora più vasti. Esperto conoscitore di stoffe antiche, sapendone descriverle non solo nelle qualità esteriori ma anche in quelle più recondite. Esperto in sartoria, sin da piccolo, per aver avuti i genitori esperti nella stessa arte. La tua genialità, creatività e artisticità ti portavano a realizzare abiti femminili. Gli stessi manufatti, di pregevole qualità, sono stati oggetto culturale nel settore della moda, tanto apprezzati da avere l’onore di partecipare a sfilate di alto livello. Il tuo buon gusto raffinato e mai ridondante, la ricercatezza delle stoffe e degli elementi andavano a completare l’abito. ABITI, a dir poco, unici.

Nel nostro Museo Etnografico Cerignolano curavi il SETTORE dell’ABBIGLIAMENTO maschile e femminile dove sono esposti diverse decine di abiti dell’OTTOCENTO. Sapevi bene come conservarli, data la loro delicatezza, per preservarli dall’usura del tempo. Proverbiale la tua delicatezza nel ripiegarli, utilizzando materiali idonei per avvolgerli.

Il bel CANTO era l’altra dote di Antonio. Per anni è stato componente del CORO “SACCO” di Cerignola, esibendosi oltre che in loco anche in altre città.  

Ascoli Satriano – Foto Prof.ssa Nunzia Roccotelli 29.10.2017*

Per te, ANTONIO carissimo, invitiamo i giovani e i tuoi alunni a prenderti come esempio e ammirazione per il sapere, la cultura e la professionalità nella vita cittadina.

Oggi, caro ANTONIO, un pesante velo di tristezza avvolge tutti noi, tuoi amici. Un gambo floreale prima PIEGATO, poi SPEZZATO ed infine RECISO al traguardo dei 58 anni.

Ti PIANGIAMO, inconsolabili, per la tua immatura dipartita, ma ti vediamo luminoso accolto tra i diffusi RAGGI della LUCE IMMENSA, SANTA ed ETERNA del CIELO. Per noi sarai SEMPRE un ASTRO LUMINOSISSIMO.   

*Le foto sono tratte dai componenti la Delegazione del Club di Cerignola.

Ascoli Satriano – Auditorio Polo Museale – Assemblea delle Sedi della Regione Puglia dell’Archeoclub d’Italia con l’intervento del Presidente Nazionale, Dott. Claudio Zucchelli, del coordinatore regionale, Presidente Dott. Barsanofio Chiedi- Foto Prof.ssa Nunzia Roccotelli, Presidente dell’Archeoclub di Bovino – 29 ottobre 2017.

Cerignola, 8 maggio 2020                     Matteo Stuppiello

Stampa questo articolo